SCIMMIA

SCIMMIA ERA SOLO UNA BAMBINA
MA GIÀ TROPPO ROMPISCATOLE
PER ESSERE CARINA.
SCIMMIA ERA UN DIAVOLO IN MUTANDE,
SULL’AMORE SOPRATTUTTO
SEMPRE UN SACCO DI DOMANDE.
SCIMMIA COL NERO SUI GINOCCHI
E UNO SGUARDO TROPPO SERIO
LÌ PER CASO IN FONDO AGLI OCCHI.
SCIMMIA DICEVA SARÒ,
SARÒ GRANDE SARÒ BELLA
MA IO NON MI SPOSERÒ.

 

SCIMMIA ED UN SENO ADOLESCENTE,
TROPPO NUDO E TROPPO PICCOLO
PER ESSERE INDECENTE.
SCIMMIA DI TUTTI E DI NESSUNO
DA RAGAZZI A STARE IN TANTI
SEMBRA D’ESSERE QUALCUNO.
SCIMMIA CON QUALCHE SCOTTATURA,
MA NON C’È BISOGNO D’UN MOTIVO
PER AVER PAURA.
SCIMMIA PENSAVA CHE NO,
NON È FACILE SOGNARE
CON I BUCHI NEL PALTÒ.

 

GIRA IL MONDO
E LA NOSTALGIA
È UNA BESTEMMIA,
MA DA QUANDO SEI ANDATA VIA,
SEI LA MIA SCIMMIA.
SENZA SOGNI
NON SI PUÒ VOLARE
MA SENZA SOGNI
NON SI PUÒ PRECIPITARE.

  SCALETTA